giovedì 6 aprile 2017

Herman Melville

Herman Melville 

vita

Fu lo stesso  Melville a dire che la sua università era stata il mare. E sintetizzava felicemente  così l'esperienza  fondamentale che tanta parte avrebbe avuto nella sua produzione. A 17 anni ( era nato a New  York nel 1819) si imbarcò come mozzo e per otto anni  non fece che attraversare gli oceani vivere la vita dei marinai o dei balenieri  con qualche soggiorno nelle isole della Polinesia e qualche avventurosa esperienza ( per qualche mese  restò prigioniero  dei cannibali Typee nelle isole Marchesi).
A queste esperienze si ispirarono le sue prime opere  che  riscossero un largo successo che paradossalmente col Moby Dick (1851)  cominciò a venir meno progressivamente verso i 35 anni - dopo aver scritto tra l'altro  un'opera che è legittimo  considerare immortale  - Melville si ritrovò  in una condizione quasi fallimentare  con assillanti problemi economici  per la sua vita familiare. Riuscì  finalmente a impiegarsi nelle dogane  e trascorse oscuramente il resto della sua vita. Morì nel 1891.

Temi del Moby Dick


Della produzione iniziale basterà qui sottolineare sia l'efficacia descrittiva  con la quale Melville rievocava - abbandonandosi alle impressioni  e ai ricordi autobiografici - forme di vita ed ambienti  esotici, sia  l'importanza che queste  opere hanno come  suggestivo  esempio di quella scoperta dei Mari del Sud nella quale poi si sarebbero  segnalati - come   la critica ha notato _ Stevenson e Kipling. E' piuttosto  sull'opera  fondamentale di Melville il Moby Dick che varrà la pena  soffermarsi. Questa descrizione  di una caccia alla balena sia pure  una balena particolare, una balena bianca, Moby Dick appunto - alla quale il capitano Achab si dedica con tragica ostinazione fino a incontravi la morte assieme al suo equipaggio  in che senso differisce  da un normale  romanzo d'avventure marinaresche ?  Differisce  perché Melville si serve strumentalmente di questa vicenda per esprimere in realtà  un groviglio di problemi  che egli urgentemente  sente in prima persona, ma che  sono anche tipici della cultura americana del limite del finito in cui  la creatura  umana è imprigionata e nel contempo  l'ansia del superamento  e d'infinito  dalla quale è animata l'impari lotta tra l'uomo  fragile e limitato e l'immensa possanza della natura.
E' ovvio che sottolineare l'una o l'altra di queste componenti porta a valutazioni e letture  notevolmente diverse  il poema di Melville  infatti può diventare la moderna versione di un mistero medioevale ( nel quale si scontrano l'Uomo e il Male, con le maiuscole ) o la trasparente  epopea della lotta dei pionieri  per la conquista di un continente per il dominio della natura o ancora una splendida incarnazione dell'eroe romantico prigioniero dei limiti della realtà, ma al quale  la componente puritana ( tipica della cultura americana  e che proprio  in quegli anni trovava espressione in Hawthorne) dà una dimensione  e uno spessore  ideologico  ignori agli esemplari  europei. C'è  tutto questo  nel poema  e c'è  - dal momento che una caratteristica dei capolavori  è la loro  ricchezza polisensa - dell'altro ancora  : il Moby Dick può  anche diventare  l'emblema di un atteggiamento  ideologico, di una oscura coscienza di autodistruzione) volta  a vincere l'impossibile e il mistero. La vicenda di Achab diventerebbe così come ha scritto Matthiessen paradigma  del fato del superuomo senza Dio. E Achab verrebbe rappresentato da Melville con un complesso atteggiamento  d'attrazione e repulsione  insieme che mentre ne sottolinea la sovrumana tensione  eroica ne mette in luce la componente  demoniaca gli inquietanti segni di predestinato  che egli ha persino  nel suo fisico.

Realismo e simbolo


Questo complesso di motivazioni e di significati  e reso da Melville in uno stile  nel quale atteggiamento  realistico  denso di minuziosi particolare e dimensione simbolica si compenetrano ben più  che in Hawthrone. E' indiscutibile che dalle  pagine del Moby Dick vengano fuori marinai veri reali una caccia vera con le giornaliere occupazioni dei marinai descritte con un lessico tecnicamente preciso. Ma ecco  che Melville con una considerazione una similitudine o una sola parola ci fa intuire che dietro  quella solidità  realistica c'è dell'altro. ( Si pensi  alle suggestive  implicazioni che può assumere  il particolare  realistico  della gamba che ad Achab è stata maciullata  in uno scontro  con la balena  e che ora egli ha  sostituito proprio con un osso di balena. O altra annotazione  che introduce un oscuro presagio della tragica fine che  passeggiando Achab sulla tolda della baleniera  con quella gamba la fa rimbombare come una bara.

due racconti esemplari

Non si può concludere senza un rapido accenno  almeno a due racconti fondamentali  nella produzione di Melville. Il primo  è Billy Budd, la storia di un giovane marinaio  che, accusato ingiustamente  viene impiccato sulla nave dove è imbarcato  ( che si chiama proprio "i diritti dell'uomo) è l'eterno  scontro fra innocenza e ingiustizia, l'amara accettazione della sconfitta.
Il secondo è Bartleby la storia  di un modesto scrivano che a chi gli ordina o consiglia  di far qualcosa  persino a chi vorrebbe indurlo  a muoversi dalla sedia rispond
e stanco ma fermo  : preferirei di no ". E l'approdo  ultimo di Melville "L'uomo che per anni aveva corso  il mari della terra e indagato tra le nebbie della saggezza in quel tranquillo  umile quasi supplichevole rifiuto  di scostarsi sia pure di un passo dalla regola quotidiana d'una vita dalla quale sia escluso  ogni imprevisto.

Nessun commento:

Posta un commento