domenica 4 settembre 2016

Alfred de Vigny

Alfred de Vigny

Vita di Alfred de Vigny

Il poeta romantico francese che ha certamente realizzato i più duraturi risultati artistici nacque da nobile famiglia nel 1797 e da giovane si indirizzò alla carriera militare  che dopo una decina di anni  abbandonò per dedicarsi ai contatti con i circoli romantici  e all'attività  poetica. Dagli  avvenimenti politici del suo tempo ricava più turbamenti  e delusioni che entusiasmi. Nel 1830 pur deprecando  la politica di Carlo X non riesce a superare una posizione piuttosto nostalgica  di legittimismo monarchico nel 1848 (interessatosi intanto al socialismo utopistico di Saint-Simon e al cattolicesimo liberale di Lammenais)  accoglie con entusiasmo la rivoluzione e si presenta deputato ma senza successo.
Turbato  inoltre da tristi vicende familiari si ritira in campagna dove trascorre in solitudine i suoi ultimi anni sino alla morte nel 1863.

temi romantici  e rigore classico

La produzione poetica di De Vigny è affidata oltre che alla raccolta dei Poemi antichi e moderni del 1826 nella quale confluirono le Poesie pubblicate  anonime nel 1822 ai Destini iniziati  nel 1838 ma pubblicati postumi  nel 1864. Fra gli scritti in prosa (il romanzo storico Cinque Marzo  1826, le tre novelle di Stello 1832 i racconti  di Servitù e Grandezza Militari 1835) notevole interesse presenta per la storia intima dell'autore Il giornale del poeta pubblicato  postumo nel 1867. Nel teatro riprese secondo  il gusto romantico  temi shakespeariani (Otello 1829) e tentò il dramma storico  ma nel suo capolavoro (e uno dei testi più interessanti del teatro  romantico) è Chatterton del 1835 la storia di un giovane poeta inglese che, umiliato e offeso dal mondo che non ha alcuna stima né alcun bisogno di poesia, finisce per suicidarsi.
Ha scritto  uno dei più autorevoli e severi  critici francesi, Albert Thibaudet "la gloria di  Vigny non conobbe  alti e bassi come avvenne invece a Lamartine e Victor Hugo. E' rimasta uguale e pura.
Dei suoi grandi poemi  i grammatici hanno potuto discutere la lingua, ma della loro poesia nulla è invecchiato."
Vediamo come mai ciò sia avvenuto. I temi affrontati da Vigny sono tutto sommato perfettamente inseribili nel gusto e nelle predilezioni romantiche nello Chatterton il conflitto  dell'artista con la società,  la sua condizione  di esiliato e di paria; nelle liriche  dei Destini  l'esperienza dello scacco e del dolore come ineliminabile componente della condizione umana, la solitudine dell'uomo, la valorizzazione  della poesia e dell'arte come manifestazione dello Spirito destinato un giorno a trionfare (Lo spirito puro). Ma quello che distingue Vigny dai suoi contemporanei  dai Lamartine e dagli Hugo  e motiva la constatazione  di Thibaudet è la tensione espressiva il magistero formale con l quale il poeta rende questa tematica. De Vigny è un poeta di classico rigore; i compiaciuti  abbandoni e l'auto compianto lamartiniani  da un lato e la sonorità  magniloquente  e l'effusione  comiziesca vittorughiane dall'altro  gli sono completamente estranei. E poiché  linguaggio e ideologia sono interdipendenti (verità ovvia che è sempre bene richiamare) questo particolare  esito formale e da riportare alla severità  della sua ideologia, al pessimismo che non cerca facili consolazioni alla sua stoica accettazione della condizione umana. "Il mondo di Vigny" scrive ancora Thibaudet "è un mondo senza Dio, la coscienza di Vigny è la tragica coscienza senza Dio , che lo porta alla disperazione ma una disperazione attiva  che in lui, silenzioso, è  la disperazione  de Taciturno : no c' bisogno di speranza per agire. L'impresa  sussiste al di fuori della speranza".

La trascrizione emblematica

Alla severità e asciuttezza formali per esprimere queste posizioni  etiche Vigny ha aggiunto una particolare capacità di emblematizzazione  di tradurre in "miti,  in situazioni simboliche  le sue  posizioni etiche : e così i componimenti omonimi (ne I Destini) "la morte de lupo " diventa  un approdo  di interiore libertà, e così per gli altri componimenti. Si pensi  che un'operazione  in gran parte analoga compiva in questi stessi anni Giacomo Leopardi nelle cui liriche certe situazione - il sabato del villaggio, la ginestra che fiorisce sulla lava ecc.- diventano appunto nuovi miti, trascrizione di sentimenti  e di posizioni morali. Né d'altra parte il riferimento a Leopardi è casuale: sui punti di contatto fra i due poeti la critica ( più nel passato ) ha abbastanza insistito : tutti e due hanno realizzato un materiale romantico liberandolo dalle scorie sentimentali e sono riusciti  a realizzare - all'insegna della severità e del rigore - una mirabile fusione tra linguaggio e ideologia.